giovedì, ottobre 04, 2012

Fumata nera (parte 1)

Una nuova giornata lavorativa.

Sono nel loculo ed il sole è sorto da poco e decido di controllare la posta.

BOOM!


La mia casella di posta straborda di notifiche di $antivirus.

La sequenza di imprecazioni raggiunge un livello estremo quando scopro che $antivirus, dopo essersi aggiornato, ha deciso di trattare se stesso come un virus e di mettersi in quarantena su TUTTA la rete (fatta eccezione per il mio pc ed i server pinguino dotati).

Il resto dell'ufficio comincia ad animarsi con l'arrivo dei colleghi.

Il Boss inzia a litigare con $antivirus, io cerco news sul web sulla cosa ma l'unico elemento degno nota è presente sulla pagina twitter di $antivirus in cui dicono "Chiamate l'assistenza".

Ma dai?

Boss, chiama l'assistenza e si trova a parlare con una povera stagista al limitare del pianto che rende noto che "sono a conoscenza del problema e che stanno lavorandoci su".

Grazie al cazzo (è francese), qui si propaga l'apocalisse ad ogni accensione!


Tra le varie cose oggi avverrà il passaggio a $postaConLaG e verranno formati i "key user".

Mollo Boss a litigare con la posta perché sono tenuto ad assistere alla formazione (più che altro per sapere cosa diranno ai presenti).

Più di metà dei "key" sono in ritardo. Vi ho detto che il tutto sta avvenendo in sala server perché non ci sono stanze disponibili? No, aggiungete il tutto alla lista di questo delirio.

Qualcuno arriva in ritardo di più di un'ora.

Qualcuno non arriva proprio.

Di contro si presentano alcuni imbucati particolarmente fastidiosi.

BOOM!


$operatoreSalaMacchine mi fa una serie di cenni da dietro la porta a vetri.

Il traffico abnorme di dati legati ad $antivirus ha messo k.o. parte della rete.

Guarda caso quella a cui sono connessi gli sportelli dell'anagrafe.

Il calendario a questo punto ha preso fuoco spontaneamente.

Sfanculata la formazione io e $collegaSveglio cerchiamo di capire dove sta il problema mentre Boss continua a lottare con l'idra.

Nel mezzo qualcuno cerca di contattarci per le più inutili fesserie e, siccome ignoriamo volutamente il telefono, ripiegano su $nuovoOperatoreSalaMacchine (Di lui parlerò un'altra volta) scambiandolo per una centralinista.

Individuato il problema veniamo momentaneamente benedetti da Murphy che distoglie lo sguardo: $collegaExCompagnoDiUniversità è esattamente ad una stanza di distanza dallo switch dedito al meretricio. Riavvio dello stesso e la rete torna ad ansimare con calma sotto la mole di dati.

Pausa pranzo tardiva, con un puttanaio di gente rumorosa attorno. Quasi preferivo le grida di agonia del calendario.


Giunge quindi il pomeriggio ed iniziamo le operazioni di configurazione per il passaggio definitivo al nuovo sistema di posta: noi lo stiamo già testando da alcune settimane, per i prossimi 7 giorni il test verrà esteso ad altre cavie prima del passaggio definitivo (Di venerdì! Perché tutto questo il venerdì? Non lo so, a mio dire è stato come invocare Murphy con tanto di circolo rituale...) con il cambio dei record MX.

Creiamo quindi un sotto dominio in cui mettere la nuova posta e impostiamo dei forward verso il sistema di test.

Ad un certo punto $fornitoreServizio decide di tentare un altro paio di cose mentre io faccio la spola tra una stanza all'altra per sentire se ci sono novità dal punto di vista di $antivirus.

BOOM!


Qualcosa è andato storto e un fottiglione di messaggi di posta iniziano a ciclare tra i due sistemi che, misteriosamente, non la prendono bene.

Long Story Short:

$collegaSveglio riesce a terminare le code di messaggi a machetate.

Adesso non funziona più nulla.

$postaConLaG a quanto pare ha schiaffato in blacklist il nostro antispam attraverso cui la posta partiva.

Bypassiamo per il traffico in uscita il disgraziato antispam che tanto smetterà di esistere tra sette giorni.

Ancora nessuna novità per $antivirus.

Sono le 19.40.


Gama

9 commenti:

Dingus ha detto...

A li mortacci! Anche noi abbiamo l'antivirus autoimmune e ci stiamo ancora smadonnando... come ti capisco!

Gama ha detto...

@Dingus: noi abbiamo risolto il giorno dopo con una serie di script. Qui non lo dico perché ne parlo nella parte due che verrà pubblicata settimana prossima.

Valeren ha detto...

Ho riso tanto quando me l'hai raccontata, e giustamente rido di nuovo adesso :)

Credo ci sia un problema con i calendari che prendono fuoco da soli, di recente.
Difetto di fabbricazione?

Woodclaw ha detto...

E poi mi chiedevo come mai avevi lo occhio spento e lo sguardo assassino qualche settimana fa.

Seamus ha detto...

io ho fatto una cosa più bella, anni fa. disinstallare tutto ciò che anche solo somiglia ad un antivirus.

risultato? macchine più veloci, molte molte molte molte meno rotture di coglioni ed un decremento a zero dei virus trovati (ogni tanto faccio scansioni di prova sia online che con boot esterno)

insomma... inizio a credere che più che autoimmuni siano portatori sani di disgrazie.

seamus

Mika Ela ha detto...

Bè 'sticazzi!

Tra l'altro anche a noi vengono a fare il corso per l'utilizzo della nuova posta, il 24 ottobre. Durerà 8 ore.
Ho molta paura.

E comunque, non so da voi, ma il filtro antispam fa schifo!

Anonimo ha detto...

Non è il filtro antispam a fare schifo, il problema è che è difficile per una macchina non senziente riuscire a distinguere precisamente se una mail è SPAM o meno.
Noi siamo "fornitori di posta" e non ti dico i problemi che abbiamo per tenere testa a spammer e rompiballe vari (tipo che hanno scoperto la password di posta di alcuni clienti e inviavano fuffa tramite i loro account).
Abbiamo poi dovuto intervenire a mettere delle regole più rigide, filtri e quant'altro, ma tanto lo SPAM alla fine vince sempre.

Anche io odio gli antivirus, ma di più i Virus che si fingono tali grrrrr.

SolitoAnonimoTecnicoLurcker

Gama ha detto...

@Valeren: credo anche io che sia un difetto congenito del prodotto.

@Woodclaw: fai conto che mancano ancora la parte 2 e la parte 3.

@Seamus: l'anivirus da noi è fondamentale, i nostri utOnti hanno la capacità innata di tuffarsi nella peggior cloaca del web e portare le peggio porcate da casa.

@Mika: il filtro antispam funziona bene da noi, solo alcuni falsi positivi che non si sono ripresentati. Per il corso ti anticipo già che ti annoierai a morte, portati qualcosa da leggere o da scrivere!

Mika Ela ha detto...

Allora è il nostro CED ad essere incompetente perchè pare che non siano in grado di sistemare il filtro antispam in maniera decente...

Per il corso, invece, è saltato fuori che non lo faranno fare a tutti ma solo ai "key users" che da noi risultano essere persone tipo MFR e Cicì.
Ho paura.