giovedì, marzo 29, 2012

Analisi dei requisiti? Parte quarta

Siamo quasi giunti alla fine di questa epopea.

Eravamo rimasti al sottoscritto in attesa di "qualcuno" di $aziendaEsterna.
Penso si sia già formata nelle vostre menti l'immagine di me ricoperto di ragnatele nella vana speranza dell'arrivo di qualcuno. A richiesta di spiegazioni la risposta era sempre "Stiamo organizzando la cosa" ed il tassativo divieto di scrivere anche solo mezza riga di codice.

Fast forward di tre mesi.

In piedi su di una nuvola di bestemmie al punto di sembrare Son Goku sulla nuvola Kinto ecco il Capo che sfreccia in corridoio in direzione della "Sala Programmatori".
Piccolo escursus: la "Sala Programmatori" è in effetti il locale in cui si trovano tutti coloro che sono in grado di scrivere del codice funzionante ($collegaSveglio, $collegaPelato, $collegaCheHaLavoratoCinqueAnniAGenova e, da quando è stata assunta anche $nuovaCollega), i nostri due prodi che da soli si occupano dell'assistenza di tutto il parco macchine (più di 600 client) e $collegaAddettoTelefoni. Tale stanza sarebbe anche la giusta postazione del sottoscritto che però è relegato nel loculo in quanto unico essere di sesso maschile in grado di sopportare $collegaFancazzista.
Seguo quindi la scia di santi spiattellati sul linoleum ed arrivo in tempo per sentire il Capo che sta spiegando a tutti che $assessore ha deciso che il servizio tributi avrebbe usato solo ed esclusivamente i software forniti da $aziendaEsterna.

È quindi iniziato il processo di migrazione dei dati: gli accordi erano che tutti i dati dovevano essere trasmessi in formato xml, la pratica è stata che noi abbiamo docuto scrivere degli script per generare dei file con tracciato richiesto da $aziendaEsterna. Perché? Perché a quanto pare nessuno aveva le capacità o la voglia di importare un file xml.
Abbiamo dovuto sostituire il parco macchine del servizio poiché a quanto pare la "webapp" di $aziendaEsterna necessitava di client iper carrozzati.
A tale scopo hanno inviato il sottoscritto a valutare quali dei pc già presenti potevano essere usati. Responso?

Gama - 18 (tutti tranne due) pc da sostituire.

$assessore - Sono troppi!

Gama - Lo so anche io ma se i requisiti sono quelli che ha comunicato $aziendaEsterna c'è poco da fare...

$assessore - Sono troppi!


Ripetere ad libitum per dieci minuti fino a che:

$assessore - Prendetene 13

Gama - Ok, riferisco al Capo e a $segretariaIncazzosa


Ri fast forward

- I pc sono stati piazzati... Uno l'ha voluto $assessore.
- L'importazione dati $immondizia ha richiesto sanguinose ere da parte di $aziendaEsterna
- Il gestionale per la gestione dell'imposta sugli immobili presentato con gli screenshot è risultato inesistente
- La quantità di bug rilevati dal sottoscritto in $gestioneImmondizia ha coperto un elenco di 7 pagine
- $gestioneImmondiza è risultato non accessibile e quindi non utilizzabile per legge
- $assessore (responsabile anche delle pari opportunità) disse "un disabile lo metti a fare un altro lavoro, non ci interessa che sia accessibile: state facendo ostruzionismo!"
- $aziendaEsterna voleva che pubblicassimo sul web la porta di accesso al database (yeah, sure! Cit. Davide Bianchi)
- $assessore ha dato di matto perché i pc (non sostituiti per SUA decisione) non facevano funzionare il programma ed i cittadini, giustamente, si incazzavano
- Ogni errore era ovviamente causa nostra e del fatto che non volevamo che il server venisse messo in una location esterna a pagamento (verso $aziendaEsterna ovviamente)


Il Capo e $collegaCheHaLavoratoCinqueAnniAGenova hanno cercato di far notare queste "piccole" mancanze e sono stati minacciati di licenziamento.

Tutto questo per un anno.
Dopo dodici mesi $aziendaEsterna ha rilasciato il programma di gestione dell'imposta sugli immobili.
Una gestione dell'anagrafe dei contribuenti -quella di $immondizia- unita ad un dump dei dati delle dichiarazioni di $exGestoreTributi comprensivo di caratteri separatori presenti nel file di testo della fornitura.

Che ci crediate o no, per un intero anno la situazione è stata questa unita al rilascio di qualche modulo bacato e rattoppato in corso d'opera. Naturalmente, per tutto il tempo, qualsiasi errore era colpa nostra.

La luce in fondo al tunnel è apparsa doo le elezioni.

Continua con l'ultima parte: il presente.

Gama

6 commenti:

Daniele C. ha detto...

Mmmm, il problema sembra essere molto più politico che tecnico...

Di pessimi programmatori ce n'è pieno il mondo. Tuttavia, intestardirsi su di una posizione simile, quando c'è la possibilità di utilizzare qualcosa di diverso (e che funziona) è proprio quello che viene spesso definita "Politica all'Italiana".

Tu, in tutto questo, eri sottopressione / tormentato dai utOnti / cazziato per robe di cui non avevi colpa di continuo? (intendo dire TU personalmente, non voi come gruppo. In sostanza se ti hanno messo alla gogna come capro espiatorio)

Gama ha detto...

Ovviamente, dopotutto: "il mio programma non era completo mentre la loro presentazione comprendeva tutto quello che serviva". Abbiamo ingoiato tanta di quella bile tra tutti negli ultimi anni da essere ormai anestetizzati al sapore del fiele! :D

Daniele C. ha detto...

Beh, te lo chiedevo perché, onestamente, io non sarei stato li a farmi prendere a pesci in faccia. Avrei detto al capo "O cambia qualcosa, o me ne vado".

Ma magari avevi dei motivi personali per rimanere li...

Gama ha detto...

Il motivo personale è molto solido: mia moglie è rimasta senza lavoro proprio in quel periodo e mollare un posto fisso come il mio, per quanto lo stipendio sia più basso rispetto al privato, sarebbe un suicidio.

Gama ha detto...

Poi, rotture a parte, il lavoro mi piace ed ho ancora quel minimo di senso di responsabilità che mi impedisce di adeguarmi allo standard di fancazzista che è associato automaticamente all'idea di dipendente pubblico.

Arounderground ha detto...

Pubblicare sul web la porta di accesso ad un db? [..fine commento..no words]